Galaxy S7: ecco come sarà il nuovo top di gamma Samsung

Sono passati pochi mesi dall’uscita dei nuovi Samsung Galaxy S6 e Galaxy S6 Edge che già ci si proietta al nuovo modello. Questi i nuovi rumors attorno a quello che dovrebbe essere il prossimo Top di Gamma dell’azienda coreana.

Il grande successo del Galaxy S6 e del Galaxy S6 Edge ha subito alimentato l’attesa: se già i due rientrano fra i migliori smartphone al momento sul mercato, come sarà il nuovo Galaxy S7?

Per avere una risposta certa, occorre ovviamente aspettare almeno il prossimo Aprile 2016, intanto ci si può accontentare delle prime indiscrezioni che circolano in rete per capire quali saranno le differenze fra il modello lanciato quest’anno e il prossimo.

Secondo voci accreditate, Samsung potrebbe puntare su una sola versione per il suo Galaxy S7, ovvero quella Dual Edge, abbandonando le forme più tradizionali. Sarebbe una soluzione che permetterebbe all’azienda coreana di distinguersi in maniera netta rispetto al resto della concorrenza. Samsung però potrebbe spostare i limiti ancora un po’ più in là, archiviando il display rigido in favore di quello flessibile.

Le speranza degli utenti è che venga migliorato uno dei punti deboli del Galaxy S6, vale a dire l’autonomia della batteria. Su questo Samsung potrebbe sacrificare un po’ il design per montare nel nuovo dispositivo una batteria di dimensioni maggiori, in modo tale da garantire una durata superiore. L’altra speranza riguarda i bordi curvi: ci si augura che l’azienda riesca a renderli maggiormente funzionali, visto che ora non lo sono a sufficienza.

Capitolo realtà virtuale: insieme al Galaxy S6, Samsung aveva annunciato anche il lancio del nuovo visore “Gear VR“, realizzato ad hoc per contenere il nuovo dispositivo. Da quel momento in avanti, però, il visore non è stato supportato e sponsorizzato in maniera sufficiente, tanto che Samsung si è ritrovata scavalcata in questo settore dalla concorrenza, ed in particolare da Htc con il suo Vive. Facile arguire che, se non si vuole rendere inutili gli investimenti fatti finora sulla realtà virtuale, i coreani dovranno spingere forte sul Gear VR quando approderà sul mercato il nuovo Galaxy, in modo da convincere i clienti ad acquistarli entrambi.

Un tasto dolente, soprattutto per chi acquista, sono i prezzi: quelli di Samsung non possono essere certo considerati i più competitivi, anzi, e il costo degli smartphone appena usciti è inaccessibile per molti. Certo, c’è la possibilità di recuperare qualche mese più tardi, quando i prezzi calano in modo deciso, ma in molti storcono il naso di fronte a questo allineamento con Apple su prezzi molto alti e chiedono il ritorno a prezzi di listino più alla portata. A livello estetico, la cover posteriore potrebbe essere migliorata, soprattutto quella nera sulla quale impronte e ditate si accumulano con fin troppa facilità e portarsi sempre appresso un pannetto in microfibra non è proprio il massimo.

Nulla da dire su leggerezza ed eleganza, ma l’impressione di “sporco” non è affatto gradevole. Rispetto al precedessore, poi, il Galaxy S6 ha mostrato meno robustezza e resistenza all’acqua. Forse si potrebbe sacrificare qualche millimetro di spessore per avere un dispositivo nel complesso più robusto. Il discorso sulla potenza potrebbe essere quasi superfluo: il prossimo Galaxy dovrà disporre del meglio in fatto di processore e tecnologia hardware, in modo da avere la maggior potenza possibile a disposizione.

Quello che si annuncia come uno dei migliori smartphone deve poter contare sulla miglior tecnologia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *